camminate salutari

Niente…
anche quest’anno le vacanze di Natale sono state risucchiate via alla velocità della luce e non fosse per il fatto che molti tengono ancora le luminarie accese mi parrebbero ormai già lontanissime.

Se considerate poi che in panetteria han fatto la loro comparsa le famose “castagnole” di carnevale, mentre nella mia dispensa ci sono ancora rimasugli di panettone e cioccolatini, capirete perfettamente in che razza di schizofrenico stato d’animo mi appresto ad affrontare questo nuovo anno!

Questa indomabile fretta che guida il mondo mi distrugge, ma soprattutto mi lascia parecchio indietro! 🙁

Perchè lo so che c’è da fare e da brigare che la morte si avvicina ma cosa c’è di più bello di un tramonto popolato di gabbiani impazziti per un’insolita abbondanza di cibo?!

Il povero Capo sa che quando partiamo per le nostre “camminate salutari” finisce che gli faccio perdere un sacco di tempo a guardare questo e quello interrompendo di continuo il ritmo…se poi mi porto la macchina fotografica è finita!

Non so… immagino si debba essere molto concentrati su se stessi e sul proprio corpo per affrontare nel modo giusto un percorso tra virgolette “sportivo” ma io, oltre ad essere completamente scoordinata, son tutta testa e per quanto mi sforzi di non farlo, mi perdo di continuo in qualsiasi cosa mi passi accanto.

E anche se andiamo SEMPRE nello stesso posto è incredibile come ogni volta mi saltino all’occhio cose diverse 😉

Quella di queste foto è la nostra zona abituale, ovvero l’area del porto di Pesaro…praticamente un altro pianeta!

Anche se non si vedono negli scatti, dovete immaginarvi i pescatori indiani che puliscono le reti, i baracchini che vendono il pesce, le signore coi bigodini che si affrettano per comprare quello più fresco.

E poi gli sportivi che corrono, i cani che si godono la loro miserrima mezz’ora d’aria (con tutto ciò che ne consegue), i camminatori lenti, i pensatori solitari, i fotografi,  i ragazzi col quadernino (esistono, giuro), le badanti col giorno libero e decine di altri personaggi bislacchi, che come noi aspettano il sabato mattina per cavarsi fuori dal quotidiano e sentirsi liberi con poco.

Suppongo che nonostante i millemila passi contati continuerò ad essere flaccida e cascante, ma so per certo che quando avrò voglia di un bel posto a cui tornare con la mente per ripescare belle sensazioni, queste camminate mi saranno utili e mostreranno il loro vero lato salutare.

A casa  invece ci pensano i mici a trasmettere energie positive dalle loro postazioni di guardia !

E proprio grazie a tutto questo incrociarsi di energie posso dichiarare ufficilmente iniziato il mio secondo ricamo epocale,  che fa bella mostra di sè sul telaio nuovo e anche se ora come ora sembra solo una macchia, so che nel giro di qualche mese, al massimo anni, diventerà un quadro bellissimo 🙂

Anche i miei esperimenti di idrocoltura delle orchidee dopo un anno esatto stanno dando i primi frutti e finalmente c’è uno stelo carico di boccioli che mi saluta ogni mattina !

Persino le piante che quest’anno ho deciso di ricoverare nel bagno sembrano destinate a passare la stagione cattiva senza troppi traumi…
è stato proprio un inverno generoso questo !

Ma nonostante questo basta una giornata di sole caldo e la voglia di primavera si affaccia prepotente in tutte le creature di questa casa.

Non manca molto.

 

15 thoughts on “camminate salutari

  1. ….e io sono una di quelle che continua ad avere le luminarie accese …e quasi quasi mi piacciono …effettivamente sono rimasta solo io ad averle accese lungo .la strada migliara 55..Dobbiamo chiamare qualche ragazzo oppure aspettare che viene Marco mio figlio perché l’albero di noce è troppo alto…..
    Daniil…Danic …così diceva che si chiamava..ieri è ritornato al suo paese in Bielorussia …e noi qui piangiamo tutti proprio tutti…era troppo bello era troppo particolare questo bambino ..ha stregati a tutti…è stato un mese di gioia..vogliamo andare a trovarlo..se ce lo permettono..perché diversi giochi voluminosi e fragili sono rimsti a casa e abbiamo promesso che li portavamo noi…la jeep telecomandata come quella di nonno Duilio…il robot quasi come un bambino di Bernardo…scatoloni di costruzioni e puzzle ecc..ecc…Qui è una piccola frazione ci conosciamo tutti e ognuno ha portatato il suo gioco e felpe..Vabbè basta così…..Mi rispecchio molto in quelle foto bellissime che ho guardato miliardi di volte….del volo dei gabbiani : confusa,libera, dorata, impossibile,agitata,……felice si è no….comunque Danic ,troppo bello, mi ha dato più baci e abbracci lui in un mese che mio marito in tutti questi anni vissuti insieme…nonna Franka…Mi piace ripeto la tua casa..quel bagno…Anche io avevo la vasca…non particolare come la tua ..ma la classica con le mattonelle tutte intorno …ma poi per problemi idraulici abbiamo dovuto rifare tutto il bagno e altri hanno deciso di sostituirla con la doccia ….a me quel vetro proprio difronte al water mi da tanto da fare…nonostante …per l’uso… non è più come appena messo…per i panettoni in dispensa…Io non ne ho comprato neanche uno …però ne vedo diversi per casa..poi alla fine quando scadono li do alle galline …proprio io che sono attenta a tutto….cerco di non arrivare a questi estremi ma…un altro po arrivano le colombe …
    SERENO weekend un abbraccio…e io rivoglio Danic…e i miei figli ancora di più

    Perdonami la forma e gli errori non rileggo…perché ho paura che mi scompare tutto perché sbaglio a cliccare…

    1. Che bello FrancaRita ! Lo sapevo che saresti stata entusiasta ! Spero tanto che vi consentano di andarlo a trovare e soprattutto che gli permettano di tornare per le vacanze estive che sono più lunghe.

      Un cugino del Capo ha adottato ormai diversi anni fa due bambini bielorussi e ricordo che raccontava della severità con cui vengono gestiti questi orfanotrofi, tanto che per ogni permesso era temuto il rifiuto ma poi alla fine è andata bene e i bambini (che ora sono ragazzi) hanno potuto avere la serenità che si meritavano.

      Tengo le dita incrociate per voi !

      Un abbraccio grande !

  2. Capito di tanto in tanto sul tuo blog perchè ‘vivo’ in altra piattaforma, ma non posso fare a meno di apprezzarne i contenuti, i contributi fotografici e le didascalie. Sei un’ottima fotografa e una gradevole narratrice.

    1. Grazie Paola ! Sei la benvenuta e se mi lasci l’indirizzo del tuo blog vengo a dare una sbirciatina 😉
      A prestissimo

  3. Buon anno e ben trovata! E’ tanto, troppo tempo che non passo di qui…! Le tue foto sono sempre meravigliose ( la nave con l’albero di Natale….uhhh questa poi non l’avevo mai vista)….i gabbiani , il tramonto….tutto stupendo. Come ti capisco con il fare le foto…anche io quando sono in giro soprattutto in nuovi posti mi incanto e fotografo davvero tutto:)
    Panettoni in dispensa ( alcuni riciclati per fare i cake pops)…cioccolatini nascosti e tavolette di cioccolata ancora in frigo ….e adesso le castagnole o sfrappole come diciamo noi di Bologna….uhhhhhhhhh e la dietologa che inesorabilmente ogni mese mi pesa !!! No comments 🙂

    1. Ely Ely…non mi parlar di dieta che da quando ho visto la foto di quel tuo pane meraviglioso ho rimesso le mani in pasta e ho cominciato ad infornare pure io…son rovinata !
      Un abbraccio

  4. Noi “gente di mare” certe cose le capiamo al volo. A volte (spesso) si sente proprio l’esigenza impellente di andarci vicino vicino, a ricaricare le pile.

    Sono sempre più convinta di voler fotocopiare casa tua, mi piace tantissimo!!! 🙂

    La foto del negozio col cartellino Benvenuti è meravigliosa, la scritta poi è superlativa. 😀

    1. Grazie Ally ! Casa mia però è troppo grande e ci sono sempre troppe cose da fare !
      Avanti con i post ! Ho visto che anche tu sei ferma da febbraio…spero vada tutto bene. Dai che è quasi la nostra stagione preferita !
      Un abbraccio grande

    1. Massì FrancaRita…io li vedo i tuoi commenti. Forse non appaiono subito quando li inviii ma poi in qualche misterioso modo saltan fuori !
      Abbi pazienza 😉
      Adesso pian piano vedo di riportare tutto alla normalità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.