escape from reality

E anche in questo pessimo 2018 siamo arrivati a quella parte dell’anno in cui si pagano certe giornate soleggiate e serene con il tedio di dover sgrattare il ghiaccio dalla macchina la mattina presto.

Poichè, dopo che mi si è crepato il parabrezza, ho furbamente intuito che il metodo paterno dell’acqua tiepida versata piano forse non era così vincente, quest’anno sono passata al metodo materno del raschietto con guanto peloso incorporato e armata di santa pazienza sgratto furiosamente fino a garantirmi una minima visibilità.

C’è da dire che in questi ultimi anni mi son resa conto di essere diventata meno sensibile al freddo.

“Che fortuna ! ” ho pensato inizialmente…

poi quando mi son ritrovata a dover mettere le bande elastiche ai vecchi jeans per allargarli mi si è svaporata tutta la positività.

Che per chi come me è stato tutta la vita molto ( troppo ) magro, ritrovarsi con le rotondità aumentate dopo gli ‘anta è un cambiamento davvero difficile da accettare.

Certo, le “imbottiture” naturali  fanno anche comodo in questa stagione ma l’altalenarsi tra il “mi metto a dieta”  e il “chissenefrega tanto ho letto che è fisiologico” mi sta distruggendo la psiche.

Insomma, questo mio bislacco processo di invecchiamento mi sta portando tutto  (ma proprio TUTTO ! ) tranne l’unica cosa che desideravo, ovvero la diminuzione del bisogno di sonno.

Tutti lì a dire che con il progredire dell’età si dorme meno e invece io continuo a cascare dal sonno in tutti i luoghi e a tutte le ore 🙁

Far la maglia poi si sta rivelando a dir poco letale e non posso fare a meno di sentirmi tale e quale a mia nonna che finiva col cascare testa all’avanti sui ferri per risvegliarsi poco dopo ed accorgersi che le si erano sfilati tutti i punti !

Però il maglione l’ho finito e devo dire che è morbido e caldo e sono molto contenta di aver imparato a fare le trecce anche se per ovvi motivi  non penso che mi cimenterò mai in qualcosa con più di due intrecci.

Avessi meno sonno, di sicuro, leggerei più libri.

Da quando ho ripreso in mano i classici letti da ragazza e mai veramente apprezzati mi si è aperto un nuovo mondo.

Ho sempre pensato che Anna Karenina fosse noioso e sopravvalutato, invece era il mio cervello ad esser sottosviluppato !

Anna Karenina è tutto quel che dicono di lui ovvero il miglior romanzo mai scritto ma temo richieda una certa maturità d’animo per essere affrontato con la giusta predisposizione.

Non che io mi senta poi così matura, tutt’altro, ma sono in un periodo di insofferenza così molesta da trovar quiete solo immergendomi in meravigliose storie ottocentesche.

Ottocento che è sostanzialemente la mia epoca e che ho mancato per uno sciagurato errore temporale di nascita.

Ridi e scherza ( ma neanche tanto ) siam già arrivati a Natale ed ai bilanci di fine anno che come sempre mi guarderò bene dallo stilare.

Qui in famiglia puntiamo molto sulle vacanze Natalizie, perchè ci arriviamo abbastanza stremati.

Mi auguro che ciascuno di voi possa godere di giorni di riposo e spensieratezza e spero che il nuovo anno sia decisamente migliore di questo malefico 2018.

A prestissimo

 

6 thoughts on “escape from reality

  1. Per evitare di far crepare il parabrezza, quando c’è il pericolo di gelate mettici su una coperta vecchia. Non hai idea di quante mattine svedesi ho dovuto raschiare il ghiaccio dal parabrezza.

    Per quanto riguarda la dieta ti dico no! Non metterti a dieta! Perché rovinarsi la vita e rischiare di perdere la felicità di mangiare quello che ti pare, io ti dico invece inizia a fare movimento :-).

    E infine il bisogno di sonno. Anche io me lo sto chiedendo, come è possibile che più invecchio e più ho bisogno di dormire. Vado a letto tra le 22 e 22.30, mi alzo prima delle 8 solo se ho qualche impegno. E sì, anche io leggerei molti più libri se non dovessi dormire così tanto :-).

    1. Ciao ! Che bello ritrovarti qui !
      Adesso ti racconto quella della vecchia coperta…mia suocera mi ha regalato un suo vecchio copriletto per coprire la mia macchinina ma si sa che “le cose vecchie eran fatte meglio” e questo copriletto ha incredibilmente il peso specifico del piombo che ovviamente raddoppia quando si inzuppa di freddo/ghiaccio/umidità della notte, tanto che la fatica che mi costava il levarlo tutto rigido dalla macchina era superiore a quella dello sghiacciare il vetro, quindi l’ho eliminato. Sono passata ad una copertina più leggera solo per il vetro davanti ma avendo una colonia di gatti è stato impossibile impedirgli di ammucchiare la coperta sul cofano e andarci a dormire ogni sacrosanta notte, quindi mi sono arresa e sgratto 🙂

      Purtroppo le mie diete iniziano il venerdì pomeriggio e finiscono con la colazione del sabato…non son brava per niente nelle rinunce e proprio per questo negli ultimi anni mi son data una mossa e mi muovo molto di più ma oggettivamente non mi giova molto tutto ‘sto camminare, la panza resta 🙁

      Il bisogno di sonno resta un mistero ma sono contenta di non essere l’unica in controtendenza.

      Un abbraccio grande e spero ripasserai a trovarmi !

  2. Ci sarebbe tanto da dire …su questo tuo simpatico post…nel senso del mio bagaglio di esperienze passate…avendo venti anni e forse pure di più .(A proposito non era il tuo compleanno uno di questi giorni? ….se non sbaglio TANTISSIMI AUGURI! !! )…Ma non ti voglio tediare che già ne hai abbastanza per grattare il ghiaccio dalla tua macchina…e poi voglio parlare un po delle novità di questi miei giorni…dopodomani arriva a casa mia un piccolo zar di otto anni …e io che volevo fare la nonna da quando giocavo con le bambole all’improvviso mi sento persa. ..Assunta, mia figlia con il suo grande cuore (15 cm di atrio destro…quando tutto un cuore normale è di 7-8 cmm) quest’anno ha preso in affido per un mese un bambino da una casa famiglia in Bielorussia….e lo porta a casa nostra …e lei cercherà di stare con con noi il più possibile.,compatibilmente con il lavoro…speriamo ,anzi voglio parlare per me …spero di essere all’altezza…..di regalare affetto a questo bambino che ne ha tanto bisogno…
    Chissà se qualche volta riuscirò a fare qualche post….e metterò anche qualche foto di Lucca …hai ragione Lucca e dintorni ..sono proprio bei posti…anche se giorni fa sono stata,con mia figlia a Numana…e devo dire che anche questo è un bel posto…proprio bello …proprio bella la nostra BELLA ITALIA..
    Dopo questo Amor di Patria…BUON NATALE…a tutti voi..

    1. FrancaRita ma è una cosa bellissima !
      Passerò un intero mese a chiedermi come sta andando se non mi tieni almeno un po’ aggiornata 😉
      Che bello incontrare una nonna come te ! E che tesoro è tua figlia ! Io lo so da chi ha preso questo suo carattere splendido!
      Spero facciate tutti una bella esperienza e anche se non sarà subito facile sono sicura che sarai una nonna meravigliosa !
      Auguro a tutti voi delle vacanze speciali e meravigliose perchè ve le meritate davvero.
      Vi penserò SEMPRE, quindi se ti fischiano le orecchie passa di qui a raccontarmi qualcosa !
      Un abbraccio grandissimo

      ps. grazie per gli auguri…divento sempre più vecchia, sigh 🙁

  3. Buon Natale…
    Sentivo fischiare le orecchie…mi chiama nonna Fra’nca’ con quelle a accentate…chiama nonno Du’i’l’io. .. …e a nonna Fra’nca’pollici molto in alto…come per il nonnoDu’i’l’io. ..per Zio Ma’rco'(mio figlio) pollici in alto …altissimi fino a farsi scoprire la pancia e con il salto…a Mamma Assunta rimane un po a guardare con quella faccetta meravigliosa. ..e occhietti furbi …e i pollici vanno in giù. ..poi un po ci ripensa e li mette a metà …come per i broccoletti..
    ….che Natale magico…che meraviglia raccontare non si riesce neanche a dare una idea …
    Buon Natale a tutti voi

    1. FrancaRita sono così contenta per voi, per questa gioia che vi meritate tutti. E’ stato un anno difficile ma sono felice che si concluda con queste belle emozioni. Goditele tutte ! Un abbraccio grande a tutti voi e tanti auguri per un nuovo anno meraviglioso !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.