al volo…

Non so se stiamo tornando ad un’effettiva normalità.

I posti belli sono ancora spopolati di turisti, l’odore dell’igienizzante è più forte di tutti gli altri e il desiderio di stare lontano da chiunque appartenga al genere umano è costante.

Però confesso che non mi dispiace godermi il centro cittadino mezzo vuoto e se non fosse che mi han tolto tutte le cose che mi piaceva fare ( ovvero il cinema, le sagre, le letture, eccetera)  questa nuova dimensione mi calzerebbe a pennello.

Di sicuro a casa nostra siamo tornati in clima di ordinaria follia, con un Capo che lavorando nel settore biciclette in tempo di sconti si ritrova a fare straordinari su straordinari perdendo abbondantemente il senso della realtà e una figlia, schiacciata dal peso dell’imminente maturità, che ad ogni parola captata  nell’aria associa un possibile argomento d’esame.

Fortuna che io e il secondogenito non ci lasciamo impressionare e continuiamo dritti per la nostra strada, fatta di calma e pace interiore.

Ho forzatamente accantonato i pensieri di morte e ho deliberatamente deciso di spostare la mia attenzione sulle mille cose che ogni giorno mi rallegrano.

La mia è un’indole di cuor contento e difficilmente riesco a deviare da questa naturale inclinazione per troppo tempo.

Vi lascio nuovamente un po’ troppo in fretta.

Il tempo per le parole e i pensieri è decisamente risicato in questi giorni ma sto scattando un sacco di foto per non dimenticarmi niente di quello che mi passa per la testa e per le mani.

Le vere vacanze sono vicine !
A prestissimo

quarantena

Stare a casa per me non è poi un gran sacrificio.

Pensavo sarebbe stata dura per via degli adolescenti invece, con mio grande stupore, la convivenza forzata si sta rivelando parecchio piacevole.

La principessa ha messo da parte ogni parvenza di malumore e oltre ad essere molto concentrata sul suo imminente esame di maturità è incredibilmente predisposta alla risata.

Il piccolo secchione si dispera per le lezioni perdute e le valutazioni imprecise ma in fondo quell’ora in più di sonno che gli viene concessa al mattino gli svolta in positivo tutta la giornata.

Io e il Capo ci siamo tacitamente presi l’impegno di fargliela pesare il meno possibile, quindi cerchiamo di essere ottimisti e disponibili, sempre.

Abitare in campagna aiuta moltissimo, questo è sicuro.

C’è tutto un fermento nel giardino e queste giornate di sole ci permettono di metter mano ai lavori di cambio stagione che quest’anno vedono coinvolti anche i nostri  due operai giovani e sottopagati 😉

Abbiamo cavato un po’ di piante dalla serra,  pulito a fondo la terrazza, smontato alcune persiane a cui serviva una mano di copale, tagliato l’erba,  preparato l’orto e portato avanti tutta una serie di lavori gratificanti che ci riempiono parte del pomeriggio.

Poi però abbiamo anche scoperto che ci piace stare tutti seduti al sole, ognuno a leggere le sue cose, guardando la campagna, senza tante pretese di conversazione.

Il mio glicine è finalmente fiorito e non credo di poter spiegare la gioia che mi regala ogni volta che ci appoggio gli occhi.

Anche la casa ha rimesso il suo vestito verde e nel prato è un tripudio di margherite e veroniche.

Insomma, dimenticarci di quello che c’è fuori dal nostro recinto ci viene facile, anche se a tratti ci dobbiamo parecchio sforzare.

Sono morte tante persone conosciute e un amico carissimo a cui cerco colpevolmente di non pensare per non andare in pezzi.

Mi sembra tutto così terribile e ingiusto da non potermi soffermare a rifletterci perchè finirei col cedere emotivamente.

Vivo sospesa non solo nell’agire quotidiano ma anche nella vita interiore, che per me da sempre è la più importante.

E’ una sofferenza che placo grazie al bello che mi circonda.

So che presto dovrò farci i conti ma sono abbastanza vigliacca da rimandare all’infinito.

Ed è facile se puoi andare a fare una passeggiata ( entro i duecento metri da casa ) e tornare con le mani piene di tulipani rossi.

O mangiare un buonissimo yogurt autoprodotto.

O metter mano alle piastrelline della nuova coperta  e cercare di farne almeno tre al giorno nel minor tempo possibile.

Per non parlare dei tanti libri che ho letto e che mi hanno regalato l’incanto di viaggi meravigliosi.

Vorrei soffermarmi per dare qualche consiglio di lettura ma purtroppo il mio tempo al computer è limitatissimo in questo periodo (per non parlare della connessione ballerina) e già c’è gente che fa pressione qui fuori dalla porta.

Ci tenevo a lasciare un piccolo post per mandare un saluto a tutti quelli che regolarmente passano di qui e trovano vuoto.

Non è facile e dubito che andrà tutto bene ma qui si fa tutto il possibile per tenere lontano il peggio.

Spero fortemente che anche voi stiate bene e non vedo l’ora di rimettere i piedi nella normalità.

Un abbraccio grande