La preghiera è stare in silenzio in un bosco (Rigoni Stern)

Ripensavo, in questi giorni di forzata clausura, al commento di FrancaRita riguardo le paure che incutono i boschi in contrapposizione alla quiete a cui il mare rimanda.

Visto che probabilmente in un’altra vita son morta annegata devo ammettere che nonostante i lati negativi (insetti, ragnatele, ostacoli nascosti, rovi, eccetera) ritorno al bosco sempre molto volentieri e non mi incute poi troppa paura l’idea di starmene distesa ai piedi di un albero, nell’attesa che la natura mi inglobi.

Il mare invece non riesco proprio a farmelo piacere e pur avendolo vicinissimo ci vado abbastanza di rado e solo se mi sento nella giusta predisposizione d’animo.

La nostra ultima gita, prima di entrare in zona arancione con tutto ciò che questo si porta dietro, è stata alla faggeta di Canfaito che è famosissima per il meraviglioso foliage che la caratterizza.

E in effetti le promesse di magia e bellezza sono state tutte mantenute, perlomeno fino ad una certa ora, perchè poi i visitatori sono aumentati in maniera esponenziale tanto che non si riusciva più a girare nè a piedi nè con le macchine nei parcheggi.

Sono dovuti intervenire i vigili e abbiamo saputo che la settimana successiva hanno deciso di chiudere completamente il parco a causa dei troppi accessi.

Non è chiaro se sia la pubblicità martellante sui siti turistici o il bisogno delle persone di uscire di casa a creare questi fenomeni di massa, fatto sta che noi personalmente abbiamo rinunciato a visitare il borgo di Elcito e dopo pranzo ce ne siamo tornati mesti verso casa, consapevoli di aver di fronte un inverno difficile.

Per quel che mi riguarda, essendo un filino iposocializzata ed avendo una fifa matta di ammalarmi, non faccio fatica a rispettare le regole che ci vengono imposte ma ammetto che sono parecchio in sofferenza per questa cattività imposta ai ragazzi e pur ripetendomi che si tratta di un periodo circoscritto tendo a lasciare che facciano un po’ quello che vogliono (sempre entro i limiti) perchè stare isolati non gli fa bene per niente.

Ultimamente mi capita di faticare ad addormentarmi la sera ed ho riscoperto il piacere di ascoltare la musica con le cuffiette.
Ascolto le canzoni di quando ero ragazza e posso constatare con piacere che mi emozionano allo stesso modo.

Le registrazioni di certe esibizioni dal vivo dei Rem, degli U2 o dei Depeche Mode sono così intense e potenti da trasmettere energia anche a vent’anni di distanza.

Credo ci sia qualcosa di prodigioso in questi rituali collettivi.

L’entusiasmo, la gioia, la commozione che scaturiscono da un concerto (ma anche da uno spettacolo teatrale o dalla proiezione di un film o dal ballo o da una messa e probabilmente dalla cosiddetta movida) agiscono come una medicina sociale i cui effetti raggiungono in modo diretto e indiretto l’intera comunità.

Credo sia stato il bisogno di questa energia sociale ad animare le cantate dai balconi che tanto mi irritavano la primavera scorsa e a cui invece ora guardo con molta più indulgenza e comprensione.

E’ esattamente con le pile scariche che mi sento e che percepisco le persone attorno a me.

Si tentano piccole ricariche domestiche che un po’ funzionano ma durano così poco.

Ho quasi paura a sprecare l’entusiasmo così lo ricaccio indietro in attesa di migliori occasioni e vado avanti col cuore pesante come tutti.

Tanto passerà prima o poi.

Stay strong !

A prestissimo

mare e monti

Avrei ancora qualche tappa del nostro tour estivo con cui ammorbarvi ma vi concedo una pausa per buttare un occhio a questo presente traballante che per certi versi sembra tagliato su misura per me, per altri invece non fa che infilarmi la paura sottopelle.

Cosa c’è di più bello del bosco per le passeggiate autunnali ?

Io e il Capo sabato ci siamo infilati gli scarponi e in quella che era una giornata meteorologicamente spettacolare siamo andati alle Cesane a caccia di funghi fotogenici.

A dire il vero non abbiamo trovato granchè, tanto che ci siamo ripromessi di tornare a breve ma qualche foto l’ho scattata lo stesso.

Temo che l’avanzare dell’età, e il mio conseguente rimbambimento, mi portino a ricercare queste dimensioni un po’ fiabesche e questi luoghi fuori dal tempo per trovarvi un conforto alle brutture del mondo che mai come di questi tempi mi sono sembrate così fitte.

Passeggiare nel bosco, immersi nei profumi delle resine e dei marciumi, concentrati su ciò che il suolo ci mostra e ci nasconde, è una delle cose più rilassanti che si possano sperimentare.

Non fosse per quei pazzi con le mountain bike che filano come forsennati per i sentieri, rischiando di travolgere le anime belle come noi (ma anche per le ragnatele che non vedi e ti si spalmano sulla faccia o per le pozze di fango invisibili o per le zecche che ti attaccano la malattia di Lyme eccetera), il bosco potrebbe essere il paradiso in terra.

Di sicuro molto meglio del mare, dove il distanziamento sociale è difficile da tenere visto che al primo raggio di sole ogni metro quadro si affolla di gente affamata di tepore, aperitivi e spazi per giocare in libertà.

Comunque ammetto che va molto molto meglio rispetto a questa estate e anche se l’acqua continua ad essere il mio elemento sfavorito, di questi tempi una passeggiata in spiaggia la faccio molto volentieri.

C’è tutta una movida pomeridiana, fatta di gente di mezza età che ambisce solo a far due chiacchiere dopo una camminata e bere qualcosa seduti in un bar vista mare.
E considerato l’incredibile numero di locali che la nostra città ha raggiunto, oserei dire che pure questo modo di far girare i soldi è ormai “economia”.

Siamo comunque disposti a rinunciare alla merenda della domenica, non c’è problema, l’importante è che non ci richiudano la scuola perchè lo scugnizzo di casa ci è tornato assai volentieri e rientra a casa carico di cose da raccontare e condividere.

Certo, le lezioni on line ci consentirebbero di posticipare la sveglia ma non c’è proprio paragone col trascinarsi addormentati fino a scuola per poi aprire gli occhi su un mondo fatto di architetture, filosofia e chimica, condiviso gomito a gomito con i compagni.

La nostra fortuna, in questi tempi bui, è quella di non conoscere la noia.
Passare più tempo a casa ci consente di fare un sacco di cose e non ci pesa affatto, perlomeno fin quando ottobre continuerà a regalarci questa luce meravigliosa.

Oltre a sfornare dolci, tirare la pasta e mettere tutti all’ingrasso, continuo a testa bassa il mio ricamo di Alice, dove finalmente ha fatto capolino il Bianconiglio che però non sembra avere uno sguardo molto rassicurante, tutt’altro, ma spero si tratti solo di una mia impressione data dalla parzialità del disegno.

Non paga di tutti i progetti avviati (ebbene confesso di avere per le mani un’altra coperta a crochet) ho messo sui ferri lo Yoga Shawl della Mowry, una missione suicida visto il sonno che mi prende quando faccio la maglia ma sento che uno scialle caldo e avvolgente è ciò di cui avrò bisogno quest’inverno (o il prossimo visto i ritmi che ho preso).

Ho persino impiantato un minimo di orto invernale con finocchi, cavoli cappuccio e bietole.

Nella serra invece, dove per ora ho ricoverato solo le piante più esigenti, tornano a rifugiarsi le ranocchie che tanto mi piacciono e anche qualche mantide.

Per quel che riguarda il nutrimento dello spirito invece sono ancora immersa nelle rivoluzioni ottocentesche, perchè I Miserabili sono un libro infinito da cui non si vorrebbe mai uscire.

Col cinema purtroppo siamo messi malissimo, perchè pur essendo l’unico posto che continuiamo a frequentare con assiduità, devo dire che abbiamo visto una serie di film parecchio bruttini.
Non so se dipenda dal blocco della distribuzione e della produzione ma ho notato la deprecabile tendenza dei recensori ad esaltare oltre l’inverosimile dei prodotti ben al di sotto della mediocrità.

Quindi se avete qualche titolo da suggerirmi ogni consiglio è bene accetto 😉 .

Spero che questo duro inverno che ci attende vi consenta di conservare un po’ di buonumore e quel minimo di serenità che serve per vivere bene.

Io da parte mia cercherò di non perdere mai di vista l’insegnamento del vecchio Oscar (Wilde)

A prestissimo