idrofobia

Ecco che improvvisamente l’estate è scoppiata lasciandoci letteralmente senza fiato.

E lo dico dal mio personale bagno di sudore, pensando a voi che state nella mia stessa condizione ma che mesi fa avete ( come me ) spergiurato  di non lamentarvi del caldo.

Certo, in quei tempi di freschetto, mai avrei immaginato che l’impianto d’aria condizionata della mia amata Matiz m’avrebbe piantata in asso per sempre, trasformando i miei viaggi in cotture a microonde.

E non immaginavo nemmeno che il caldo record mi avrebbe costretta ad annaffiare l’orto due volte al giorno favorendo, oltre alla crescita degli ortaggi, il rigoglio di tutta una serie di erbacce che vanno tassativamente estirpate con la zappetta al mattino presto, in un tripudio di zanzare e altri insetti malefici.

E troppe ne avrei di cui lamentarmi ma una promessa è una promessa, quindi cercherò di focalizzarmi solo sulle cose belle di questa incredibile stagione, cioè le vacanze, il festival del cinema che è appena finito, le passeggiate serali che si concludono con un gelato, le partite a carte e, nel caso specifico di questo post, le gite fuori porta !

Nonostante la caldazza ci siamo avventurati verso una meta che ci proponevamo da tempo: Le marmitte dei Giganti di Fossombrone.

Un percorso facile di cui vedevo spesso foto molto suggestive e che avevo messo nella lista delle gite già dall’anno scorso.

L’ideale sarebbe stato andarci a Maggio ma il tempo non ce lo ha mai permesso e quindi siam partiti consapevoli che le temperature non avrebbero giocato a nostro favore.

Il posto è di un bello che incanta e ricorda certi paesaggi statunitensi visti ormai troppi anni fa.

Per un qualche strano effetto acustico giungono all’orecchio solo i rumori propri del luogo ovvero cinguettii e sciabordii, cosa che non finiva di stupirmi mentre me ne stavo sdraiata e meditabonda a guardare i miei uomini che affrontavano il percorso rasente l’acqua.

Quasi mi sentivo a disagio in tutta quella incredibile pace, tanto che ho tirato un sospiro di sollievo quando un branco di ragazzini in canoa ha fatto il diavolo a quattro passando con entusiasmo nelle parti più strette e difficoltose.

Ma di tutto la cosa che più mi ha stupita è la nonchalance con cui uno dei loro educatori si è avventurato sulla roccia per incitarli.
Con delle scarpettine da ginnastica.
E un cellulare nella busta impermeabile.
( Vedi foto qui sopra )

Premesso che io ho il terrore della acqua ed evito qualsiasi cosa possa anche solo ipoteticamente causarmi una caduta in acqua  (quindi non ho potuto fare il percorso fino in fondo che era comunque facilissimo e percorribile da tutti ) quando ho visto questo signore camminare spedito fin sul bordo della roccia e poi addirittura scendere un gradino più sotto ho pensato che sarebbe caduto.

E sono stata in un’angoscia profonda per tutto il tempo in cui lui si è trattenuto su quel margine ma fortunatamente la mia indole riservata mi ha impedito di mettermi ad urlare e correre a cercare aiuto.

Perchè quel signore era davvero tranquillissimo nonostante stesse facendo questa cosa folle di stazionare sul bordo di una roccia affacciata su un canale con delle scarpette di tela.
Poi ad un certo punto ha deciso che bastava e senza nessuno sforzo è risalito e mi è passato accando fischiettando con una serenità e una spensieratezza ormai rare.

Non ha avuto nessun bisogno che lo salvassi.
Mentre io ho un costante bisogno di qualcuno che mi salvi da certe mie paure incontrollabili.
Queste paure spesso mi impediscono di fare delle cose ( tipo camminare troppo vicino all’acqua ).
E per un attimo il suo entusiasmo mi ha contagiata e ho pensato che potevo farmi coraggio e partire sul sentiero per raggiungere i miei uomini.

Ma in fondo, mi sono chiesta, c’è proprio tutto questo bisogno che io affronti questa paura ? Non sto bene anche qui svaccata in questo prato brullo a cacciare il naso in quel che fanno gli altri ?

E quindi niente, son rimasta lì a godermi il panorama e a scattare foto, pensando però che la pace assoluta mi avrebbe annoiata.
Che se fossi stata completamente sola,  dopo un po’ avrei dovuto trovarmi qualcosa da fare perchè la natura è molto bella ma mi stanca in fretta.
Quindi ben vengano le creature che fanno chiasso, quelle che si mettono in posa per i selfie, quelle che fanno cose che io non farei mai lasciandosi guardare; perchè senza le persone che li vivono, i luoghi ai miei occhi perdono un po’ il loro senso.

Sulla via del ritorno ci siamo fermati alla Gola del Furlo, che avevamo già visto parecchie altre volte ma che è sempre un piacere rivedere e fotografare.

Qui la camminata me la son potuta godere anche io perchè c’è un fantastico parapetto predisposto per la salvezza di tutti noi fifoni !

E incredibilmente avrei un sacco di altre foto del quotidiano da postare ma sarebbe davvero un’esagerazione, quindi seguirà a breve un altro noiosissimo post sulla maturazione dei miei ortaggi e la fioritura dei miei fiori 😉

Spero che le vostre vacanze vi diano quello di cui avete bisogno !

5 thoughts on “idrofobia

  1. Tu con queste foto mi turbi, son troppo belle!!!
    Mi hanno fatto pensare ad un posto qui dalle mie parti dove non vado quasi mai perché non ho la macchina e con gli autobus è un po’ lungo e laborioso, ma mi sono ripromessa di convincere qualcuno che una gita nella Val Rosandra s’ha da fare presto e quindi spero di mostrartela quanto prima in un post dedicato.

    Mi hai fatto anche scoprire un’altra cosa che abbiamo in comune: ho un rapporto conflittuale con l’acqua, pur essendo nata e cresciuta in una città di mare.

    Me ne sarei rimasta anch’io in quel prato stupendo: quando sono indecisa sullo sforzarmi o meno di fare qualcosa fuori dalla cosiddetta zona di comfort ultimamente risolvo il dilemma facendo il gioco del 50/50, una volta mi sforzo, quella dopo sto tranquilla. Non so dirti se sia una pratica valida, ma mi fa sentire meglio.

    Adesso che pare pure settembre sarà caldissimo, non mi resta che dire… speriamo ottobre arrivi presto!
    Goditi l’estate più che puoi, un abbraccione!

    1. Grazie Ally ! Me la sto godendo senza uscire troppo dalla zona comfort e nemmeno mi sento troppo in colpa 🙂
      Un abbraccio grande

  2. …in questo post ci sono tutti i verdi dell’estate, é il colore che predonima in ogni foto …per creare un tutt’uno naturalmente anche l’acqua è verde….il tutto mi ricorda alcuni paesaggi, che non mi stancavo mai di conteplare,incontrati in quella uscita che facemmo a Lucca l’anno scorso..che tanto mi facevano pensare alla poesia Rio Bo…Bellissime le foto,bellissimi quei ragazzi con le canoe, bellissimo anche l’educatore le scarpette da ginnastica e la sua nonchalance….forse anche io sono tra quelle che nei giorni di freddo ha esclamato “evviva l’estate!!!”…però se l’ho fatto …l’ho detto,smentito e pentita subito…i giorni di freddo non durano così tanto come questo caldo odioso…io non ce la faccio più!!!..potrei andare al mare,che tanto mi piaceva,ma il sole ora mi intontisce…io che amo o meglio amavo stare a pieno sole..poi l’estate ci sono i gechi li odio ogni finestra ce ne sono due o tre…pronti,se apri ad entrare dentro…non me ne vogliono gli animalisti… ma aiutata da un gatto maschio pronto ad afferlarli…ormai sono passata a….nonostante non finiscono mai…e pensare che quando erano piccoli i miei figli per far conoscere i gechi li portavo dai nonni al podere vecchio li qualcuno c’era…io li odio……quest’anno sono contro anche le formiche,di tutti i formati, a file larghe cm vanno e vengono…e poi ci sono i condizionatori …se non li accendo fa troppo caldo se li accendo penso che anche loro sono tra le cause che hanno contribuito ad avere queste estati così roventi…insomma per forza mi voglio rovinare,ancor di più di quello che già é,la vita….Idrofobia… non so se si può usare lo stesso termine per definire la mia paura riguardo l’acqua…io ho paura che finisce l’acqua..e d’estate questa paura si ingigandisce..perché d’estate l’acqua ne serve proprio tanta….io preferisco la natura,l’uomo non mi dispiace …però l’uomo dove passa purtroppo inquina…comunque adesso sento che è arrivato qualcuno …smetto di essere polemica non rileggo scusami la forma e gli errori…un abbraccio…buona estate…aggiungo solo che l’estate è bella per i ragazzi…e per chi è in ferie e in vacanza…estati così calde io prima non me le ricordo…

    1. FrancaRita un po’ ti capisco. Ci son stati dieci durissimi giorni di caldo pure qui e confesso che pensavo di finire all’ospedale. Poi finalmente è passato. E tutto sembra molto più bello e gradevole, persino le formiche che entrano dalla finestra della cucina mi sembrano meno odiose 😉
      L’estate è fatta per i ragazzi ma anche per noi della generazione prima, bisogna solo sforzarsi di ritrovare lo spirito giusto per godersela, magari dimenticando di aver sempre troppo da fare.

      Spero che stiate tutti bene e che il fresco sia arrivato anche da voi.
      Vi penso sempre.

      Un bacione a tutti.

  3. Ripasso da qui dopo un bel po’. Mi piace tutto, le tue foto, le tue osservazioni, la tua leggerezza. Non condivido la paura per l’acqua, che invece io amo. Non nel senso estivo del termine, tipo bagni, spiaggia ecc. Ma osservarla mi mette una pace incredibile. Passeggiare in mezzo alla natura sarebbe il massimo, ma purtroppo non posso farlo spesso per mancanza di compagni di viaggio. Ma lo faccio tutte le volte che posso, allontanandomi dal concetto prevalente di ‘estate al mare, sudore, confusione, rumore’. La natura non mi annoia, anzi. Purtroppo nelle mie passeggiate mi imbatto spesso nei segni di incuria, inciviltà e mancanza di rispetto, e questa cosa mi fa arrabbiare parecchio con i miei simili. Complimenti ancora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.