Tutto insegna, maturando, il tempo. (Eschilo)

L’estate, per me, ha sempre avuto soprattutto una dimensione interiore.

Essendo nata vecchia, non ho mai amato in modo particolare le “pazzate” estive.

Niente tour delle discoteche all’aperto, niente vita da mare, nessun amorazzo stagionale.

Ho avuto l’enorme fortuna di incontrare persone molto simili a me, che hanno accettato di buon grado l’idea di passare le loro ferie a scarpinare per piazze e musei e che si sono accontentate di stare un po’ ai margini della vita estiva, sfruttando la meraviglia di un tempo libero e caldo per imparare cose e rimuginarci a fondo.

Pensavo che un giorno poi, finito di studiare, sarei cambiata e avrei cominciato a divertirmi come fanno tutti, invece niente, son diventata vecchia e mi sento ancora più legittimata a comportarmi da vecchia.

Me ne sto incolpevole su qualche panchina a compiere quelli che Oriana chiama “studi sull’essere umano”.

Vado per boschi e cerco di capire cosa provino e per cosa si entusiasmino i veri appassionati di bosco.

Mi aggrego al gruppo astrofilo locale e passo la serata con il naso all’insù; la testa piena di citazioni e nozioni che fatico a digerire.

Vado a tutti i festival più pallosi.

Se mi sposto è solo ‘per fare cose noiose’ come dice mia figlia, se sto a casa giro con la zappetta e il cestino da orto.

Non so bene in cosa mi sto evolvendo ma posso affermare con certezza che mi sento lontanissima dalle paturnie global social e persino dai miei personali tormenti.

Pur essendo una persona serena per indole, credo quest’anno di aver raggiunto miracolosamente una sorta di equilibrio zen, che suppongo non potrà durare a lungo ma che ho intenzione di assaporare appieno.

Non credo sia merito dell’orto, anche se devo dire che l’entusiasmo della raccolta mattutina  mi volge al meglio la maggior parte delle giornate.

Non credo nemeno sia merito dell’incredibile quantità di bellezza e di colori che mi circondano, anche se non mi stancherei mai di stare a guardare la magia degli insetti e dei fiori.

Forse è un po’ merito dei figli che si fanno grandi e diventano un ponte sul mondo, che visto coi loro occhi mi sembra sempre meno brutto.

Di sicuro è merito dell’amore in cui vivo immersa e protetta e delle belle parole che in mille forme diverse arrivano da me e mi bilanciano.

Buona estate

11 thoughts on “Tutto insegna, maturando, il tempo. (Eschilo)

  1. Ho iniziato a leggere il tuo post e mi sono detta, potrei essere io :-)!

    Però non mi sono mai sentita vecchia, mi sono sempre sentita (e ancora mi sento) giovane in modo diverso dagli altri. Mi accorgevo di avere sempre più energia e interessi diversi da quelli che gli altri della mia età avevano (mi accorgo che anche ora è la stessa cosa :-)). Non mi sono mai sentita comoda alle feste, con tanta gente a parlare e fare cose che non mi interessavano/interessano. Le evito/evitavo a tal punto che quando compii 18 anni non organizzai nessuna festa, che liberazione aver preso quella decisione.

    La pazza vita estiva per me non esisteva, le mie compagne di scuola raccontavano le pene degli amori estivi e io mi chiedevo come era possibile perdere l’estate (e anche il resto dell’anno) dietro queste cose :-).

    Però non scarpinavo per piazze e musei (quelli mi bastava e basta ancora vederli e leggerne sui libri e riviste :-)) ma in bosco, per le montagne, per i sentieri. Tu cerchi di capire cosa provano gli appassionati di boschi io gli appassionati delle città :-).

    Per quanto riguarda i miei studi “sull’essere umano” dovrei veramente smettere che a me non portano nessun pensiero positivo :-).

    1. L’utlima tua frase mi fa sorridere ! In effetti la percentuale di esseri umani che mi portano pensieri positivi è nettamente inferiore a quella che mi fa salire il nervoso ma val sempre la pena di buttare un’occhiata in giro 😉

      Io alla natura ci sono arrivata molto tardi e ancora non mi sento pienamente conquistata ma ammetto che mi incuriosisce e sono felice di avere un mondo nuovo da scoprire.

      Buona estate Oriana !

  2. Quanto ci assomigliamo!!!
    Mi sento “anziana dentro” da più di un paio di decenni, ed ultimamente mi ci sento anche fuori, con tutti questi nuovi acciacchini che arrivano e si aggiungono agli altri. 😉
    Posso chiederti dov’è di preciso questo Sentiero delle creature fatate? È bellissimo!
    Credo che io e te sapremmo “annoiarci” insieme proprio bene, a passeggiare tra gli alberi e a fermarsi a leggere nei prati o in riva al mare.
    Ti mando un abbraccio!
    ❤❤❤

    1. Ciao Ally ! Penso davvero che ci annoieremmo benissimo insieme a scattare foto a destra e a manca 😉
      Il sentiero delle fate è nel bosco che si trova sul Monte Carpegna ( in provincia di Pesaro ). Fa capo ad un Parco avventura per bambini ma è percorribile liberamente da tutti.
      Credo sia una novità di quest’ultimo anno perchè nelle nostre visite passate non lo avevamo mai visto.
      E’ davvero molto carino e ci sono un sacco di zone per le attività con i bambini più piccoli (dalle quali noi ormai siamo tagliati fuori)

      Questo è il link del loro sito https://www.carpegnapark.it/bosco_delle_fate.php

      Buona estate !

  3. INFINITI AUGURI alla tua principessa!!!
    18 anni è un traguardo molto festeggiato,almeno qui da noi ma penso un po’ dappertutto…anche con fuochi d’artificio…ma no noi però…io domani ne festeggio 66…
    Ecco l’estate,continuando a parlare dell’estate,è proprio come il giorno del compleanno…ti aspetti chissà che cosa che non sai neanche che cosa …e alla fine passa e ti ritrovi solo con un anno in più…
    Anche in questo post prevale il verde…quindi il verde è il colore dell’estate per chi ama monti e campagna…che bello percorrere quel sentiero delle creature fatate…io avrei giocato ad essere fata…Danik e Nikolai…i due bambini bielorussi che sono qui da noi,hanno paura e la notte dormono abbracciati però la mattina appena si svegliano giocano a fare i fantasmi con le lenzuola bianche girando per casa…Troppo belli troppo belli Anche Assunta ha tanta tanta paura…per il suo problema di salute…ha ripreso a lavorare e ancora lavora e mi pare che non abbia molti programmi per le ferie…é stata una settimana a Cervia e Mirabilandia con i bambini..Marco sabato prossimo parte con la moto da solo….per Uzbekistan…io lavoro …l’estate è bella solo per chi sta in ferie e in vacanza…e non vedo l’ora che si ritorni alla normalità.
    Rigoglioso e verde è anche il tuo orto e le bellissime zinnie colorano l’estate anche qui da me .Bellissime!!! Anche io sono andata sempre dicendo di sentirmi vecchia …lo dicevo così per dire ma in realtà non mi ci sentivo e quasi quasi non mi ci sentirei neanche ora che ormai ci sono dentro se non avessi tutti i problemi di salute miei e di chi mi sta intorno e vicino…
    Buona estate …in fondo in fondo anche l’estate è bella tra qualche giornata di mare e le zinnie…
    Non rileggo

    1. Auguri Francarita !!
      Tantissimi auguri ritardatari!
      Spero tu abbia avuto un bel compleanno, con i tuoi figli e i bambini.
      Mi spiace tanto per i vostri problemi di salute e capisco benissimo lo stato d’ansia che si portano dietro. Tocca cercare di non angustiarsi troppo e stare sereni quel tanto che basta per godersi le cose belle, in tranquillità.

      Spero che la tua estate prosegua nel migliore dei modi, anche se quest’anno ti sta facendo arrabbiare con questo caldo che avvizzisce le piante e l’umore.

      Un abbraccio grande grande !

    1. E’ vero Annamaria, che pace !
      Sentirsi diversi ma non soffrirne più, la cosa migliore che mi potesse portare la maturità !
      Le zinnie hanno sempre fatto arrabbiare anche me, infatti è il primo anno che mi vengon così belle e durature.
      Credo che il trucco stia nel farle germogliare al buio.
      Praticamente ho messo i semi in dei vasettini che ho poggiato su di un sottovaso e le ho coperte con l’allumino da cucina. La prima volta le ho bagnate piano piano da sopra, poi ho mantenuto un filo d’acqua nel sottovaso così che fossero sempre umide. Quando i germogli sono diventati belli vigorosi ho tolto l’alluminio e quando sono diventati più grandi li ho trapiantati in giardino, mettendo dell’antilumaca perchè purtroppo le lumache ne vanno parecchio ghiotte.
      Se non le vuoi mettere giù in giardino puoi anche tenerle in vaso che crescono bene lo stesso.
      Sono dei fiori straordinari che regalano mesi e mesi di colori e farfalle.

      Buona estate Annamaria

  4. Non definirei ‘vecchia’ una persona che concepisce il relax e preferisce una vacanza che ne è intrisa. Da giovane ho vissuto come tutti la stagione del divertimento confusionario e ad alto tasso alcolico, ma devo dire che non l’ho mai rimpianto e preferisco di gran lungo luoghi come quelli che ci mostri nelle tue splendide foto e ci descrivi così amabilmente. Viviamo un’epoca piena di inquietudine e di negatività. Cosa, se non un bosco, un lago, delle montagne e dei prati profumati puo’ salvarci da tutto cio’? Regaliamoci un po’ di questa pace occasionale, visto che poi la quotidianità ci costringe a ben altri ritmi. p.s. non ho modo di capire se i miei commenti ‘partono’. Tornerò a controllare. A presto 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.