idrofobia

Ecco che improvvisamente l’estate è scoppiata lasciandoci letteralmente senza fiato.

E lo dico dal mio personale bagno di sudore, pensando a voi che state nella mia stessa condizione ma che mesi fa avete ( come me ) spergiurato  di non lamentarvi del caldo.

Certo, in quei tempi di freschetto, mai avrei immaginato che l’impianto d’aria condizionata della mia amata Matiz m’avrebbe piantata in asso per sempre, trasformando i miei viaggi in cotture a microonde.

E non immaginavo nemmeno che il caldo record mi avrebbe costretta ad annaffiare l’orto due volte al giorno favorendo, oltre alla crescita degli ortaggi, il rigoglio di tutta una serie di erbacce che vanno tassativamente estirpate con la zappetta al mattino presto, in un tripudio di zanzare e altri insetti malefici.

E troppe ne avrei di cui lamentarmi ma una promessa è una promessa, quindi cercherò di focalizzarmi solo sulle cose belle di questa incredibile stagione, cioè le vacanze, il festival del cinema che è appena finito, le passeggiate serali che si concludono con un gelato, le partite a carte e, nel caso specifico di questo post, le gite fuori porta !

Nonostante la caldazza ci siamo avventurati verso una meta che ci proponevamo da tempo: Le marmitte dei Giganti di Fossombrone.

Un percorso facile di cui vedevo spesso foto molto suggestive e che avevo messo nella lista delle gite già dall’anno scorso.

L’ideale sarebbe stato andarci a Maggio ma il tempo non ce lo ha mai permesso e quindi siam partiti consapevoli che le temperature non avrebbero giocato a nostro favore.

Il posto è di un bello che incanta e ricorda certi paesaggi statunitensi visti ormai troppi anni fa.

Per un qualche strano effetto acustico giungono all’orecchio solo i rumori propri del luogo ovvero cinguettii e sciabordii, cosa che non finiva di stupirmi mentre me ne stavo sdraiata e meditabonda a guardare i miei uomini che affrontavano il percorso rasente l’acqua.

Quasi mi sentivo a disagio in tutta quella incredibile pace, tanto che ho tirato un sospiro di sollievo quando un branco di ragazzini in canoa ha fatto il diavolo a quattro passando con entusiasmo nelle parti più strette e difficoltose.

Ma di tutto la cosa che più mi ha stupita è la nonchalance con cui uno dei loro educatori si è avventurato sulla roccia per incitarli.
Con delle scarpettine da ginnastica.
E un cellulare nella busta impermeabile.
( Vedi foto qui sopra )

Premesso che io ho il terrore della acqua ed evito qualsiasi cosa possa anche solo ipoteticamente causarmi una caduta in acqua  (quindi non ho potuto fare il percorso fino in fondo che era comunque facilissimo e percorribile da tutti ) quando ho visto questo signore camminare spedito fin sul bordo della roccia e poi addirittura scendere un gradino più sotto ho pensato che sarebbe caduto.

E sono stata in un’angoscia profonda per tutto il tempo in cui lui si è trattenuto su quel margine ma fortunatamente la mia indole riservata mi ha impedito di mettermi ad urlare e correre a cercare aiuto.

Perchè quel signore era davvero tranquillissimo nonostante stesse facendo questa cosa folle di stazionare sul bordo di una roccia affacciata su un canale con delle scarpette di tela.
Poi ad un certo punto ha deciso che bastava e senza nessuno sforzo è risalito e mi è passato accando fischiettando con una serenità e una spensieratezza ormai rare.

Non ha avuto nessun bisogno che lo salvassi.
Mentre io ho un costante bisogno di qualcuno che mi salvi da certe mie paure incontrollabili.
Queste paure spesso mi impediscono di fare delle cose ( tipo camminare troppo vicino all’acqua ).
E per un attimo il suo entusiasmo mi ha contagiata e ho pensato che potevo farmi coraggio e partire sul sentiero per raggiungere i miei uomini.

Ma in fondo, mi sono chiesta, c’è proprio tutto questo bisogno che io affronti questa paura ? Non sto bene anche qui svaccata in questo prato brullo a cacciare il naso in quel che fanno gli altri ?

E quindi niente, son rimasta lì a godermi il panorama e a scattare foto, pensando però che la pace assoluta mi avrebbe annoiata.
Che se fossi stata completamente sola,  dopo un po’ avrei dovuto trovarmi qualcosa da fare perchè la natura è molto bella ma mi stanca in fretta.
Quindi ben vengano le creature che fanno chiasso, quelle che si mettono in posa per i selfie, quelle che fanno cose che io non farei mai lasciandosi guardare; perchè senza le persone che li vivono, i luoghi ai miei occhi perdono un po’ il loro senso.

Sulla via del ritorno ci siamo fermati alla Gola del Furlo, che avevamo già visto parecchie altre volte ma che è sempre un piacere rivedere e fotografare.

Qui la camminata me la son potuta godere anche io perchè c’è un fantastico parapetto predisposto per la salvezza di tutti noi fifoni !

E incredibilmente avrei un sacco di altre foto del quotidiano da postare ma sarebbe davvero un’esagerazione, quindi seguirà a breve un altro noiosissimo post sulla maturazione dei miei ortaggi e la fioritura dei miei fiori 😉

Spero che le vostre vacanze vi diano quello di cui avete bisogno !

cose che ho fatto quest’estate (ultimo)

Concludo la mia misera carrellata di foto estive con questo post volutamente breve.

Il bambino ha compiuto quindici anni e per festeggiare ha preteso fortemente di far ritorno ad uno dei luoghi privilegiati della sua infanzia:
ovvero il parco zoo di Falconara !

Quando ha osato avanzare la sua richiesta c’è stata una sommossa famigliare !

Esasperati dal caldo ( si parla del 19 agosto più bollente del secolo ), da un animalismo farlocco e dalla prospettiva di una giornata infernale, abbiamo accampato mille scuse e lanciato anche qualche accusa ingiusta ( tipo: sei troppo grande per lo zoo ) ma alla fine, valutate le alternative, siam saltati in macchina e ci siamo diretti verso questo benedetto zoo.

Inutile dire che anche questa volta il bambino, nella sua quieta saggezza zen, aveva ragione e abbiamo passato una bellissima  giornata, di cui ho scattato trilioni di foto ma per il rispetto che vi porto ve ne risparmio la gran parte.

Io adoro gli zoo ( non è un caso che ci abbia portato i miei figli fin da piccolissimi )!

Potrò sembrarvi cinica ma temo che il concetto di libertà che applichiamo agli animali sia un concetto romantico, del tutto falsato dai film Disney con cui siamo cresciuti.

Ciò di cui ha bisogno un animale è un territorio sicuro e biologicamente adatto, una routine rassicurante e cibo a sufficienza. Poco altro.

Gli zoo (quelli ben gestiti) sono strutture educative, che curano il benessere degli animali, che partecipano a progetti di conservazione e che fanno ricerca scientifica, contribuendo ad accrescere le nostre conoscenze e quindi le nostre capacità di supportare gli animali in natura.

Purtroppo in Italia il pregiudizio ( ormai infondato) verso queste strutture permane e questo, a differenza di quanto accade nel resto d’Europa, limita notevolmente l’entità dei finanziamenti sia pubblici che privati, condannandoci ad essere il fanalino di coda anche in questo settore.

E’ lontanissimo il tempo in cui il mio papà mi traumatizzava portandomi a vedere i tristissimi gorilla dello zoo comunale di Via Palestro e per vincere il mio personale pregiudizio mi sono presa la briga di informarmi per bene e ho accettato l’idea che è possibile cambiare opinione senza necessariamente peccare di incorenza.

Molte delle convinzioni facili e preconfezionate che mi portavo dietro fin da ragazza sono cambiate in seguito ad una paziente e approfondita ricerca di informazioni e immagino che molte altre condivideranno la stessa sorte.

E’ una cosa che mi inorgoglisce molto perchè negli ultimi vent’anni ho affrontato la fatica di rivoluzionare il mio pensiero (che poi non era veramente mio) e penso ne sia valsa la pena.

Se poi si considera il fatto che ho passato la prima parte della mia vita spergiurando che non avrei mai avuto figli direi che il cambiamento è stato proprio vincente 😉 basta guardare le ultime due foto !!

***

Bene, con questo pippone si concludono i post fuori tempo e si rimettono i piedini dentro questo autunno che in realtà deve ancora farsi vedere ma che in fondo attendiamo con un pizzico di impazienza, anche solo per il gusto di accendere il camino e mangiare due castagne !