gita a San Marino

Eccomi qua, in balia di un computer guasto e testardo che quando gli gira si spegne ed inizia a scioperare.

Il ragazzo che ce lo sistema di solito è all’estero per lavoro, quindi abbiamo deciso di portare pazienza e aspettare il suo ritorno, che un po’ di sana astinenza ci può solo giovare.

Fortuna che ha retto almeno fino alla fine della scuola, ci diciamo ogni volta che lo vediamo agonizzare.

Fortuna davvero!

Il guaio è che ora che abbiamo ripreso a fare le nostre gitarelle ho trilioni di foto da ripulire ma il marchingegno non ne vuole sapere di collaborare e mi dà dei tempi di lavoro molto molto stretti.

Intanto ho riordinato queste di San Marino che risalgono ormai a diverse settimane fa, quando per la prima volta ci azzardavamo a rimettere le ruote su un’autostrada.

San Marino è uno di quei luoghi dove si torna sempre volentieri a fare una passeggiata e sarebbe una cittadina magnifica se non si fosse piegata al turismo commerciale, fatto di negozi di paccottaglia e baretti insipidi.

Fortunatamente il numero dei turisti era davvero scarso e questo ci ha regalato una assoluta libertà di movimento, che tra l’altro abbiamo ritrovato in tutte le nostre successive tappe e a cui ci stiamo pericolosamente abituando.

E lo so che è un po’ cinico ma in tutta questa faccenda del virus io sento proprio il bisogno di trovare un lato positivo, una ricompensa per tutte le energie vitali che mi ha succhiato via in questi mesi.

La desertificazione delle città d’arte è una cosa terribile ma sarebbe ipocrita negare i vantaggi che ne traggono i pochi utenti rimasti.

Musei deserti nonostante la temporanea gratuità dell’ingresso, zero file agli sportelli, zero traffico e pochissimi umani che interferiscono nelle inquadrature…cosa volere di più ?!

Ovvio che mi auguro al più presto il ritorno alla normalità ma intanto, fin che si può, me la godo 😉

E nonostante la caldazza e l’arsura continuo a godermi anche il mio giardino con le sue fioriture e i primi frutti dell’orto (a dire il vero le zucchine già ci stanno uscendo dagli occhi !).

Se non l’avete mai fatto, sentitevi in obbligo, almeno una volta nella vita, di annusare il fiore di una magnolia e toglietevi lo sfizio di coltivare qualcosa che poi servirete in tavola.

Il resto è tutto superfluo.

Chiudo con le foto di questa diciannovenne matura che io e il Capo ci siamo ritrovati dentro casa… così, da un giorno all’altro… senza riuscire a comprendere in quale razza di gorgo temporale siamo finiti.

Sperando in una rapida risoluzione dei miei problemi informatici vi do appuntamento alla prossima gita, che se non ricordo male, dovrebbe essere la gloriosa San Leo.

Buona estate

4 thoughts on “gita a San Marino

  1. ….sono qui…sempre ad ammirare le tue bellissime foto e ancor di più a leggere i tuoi scritti…sempre simpatici e spontanei …Avevo fatto un lungo commento ,come di solito,al post dei sentieri che io chiamo stradoni e mi piacciono da morire…ai papaveri e un po’ a tutto …avevo parlato di mia figlia…ma al momento di inviare internet non funzionava …è davvero noioso e molto ballerino…e così è scomparso tutto…
    Non mi dilungo …tantissimi auguri alla bellissima matura…e buona estate a tutti voi …
    Noi siamo tutti dispiaciuti perché i bambini Bielorussi quest’anno non vengono speriamo ad Agosto…se qualcuno da l’ok dall’alto…loro sono dispiaciuti di li e noi di qua…questo maledetto virus ci ha stressati parecchio…e come dici tu bisogna trovarci un senso…
    Buona Estate e speriamo che questo commento va a buon fine….

    1. Ciao Francarita !!
      Cavoli ero così preoccupata…che bello sapere che stai bene e immagino anche tua figlia.
      Sapevo che andavi incontro ad un periodo difficile e quando ho visto che non c’erano tuoi commenti in nessuno dei blog che di solito frequenti mi sono impensierita.
      Purtroppo immaginavo che non avrebbero fatto venire i bambini, questa é proprio un’annata nera per chi si deve spostare e non ci si può nemmeno lamentare troppo visto che dopotutto é per la salute di tutti.
      Però che peccato…praticamente un’estate sprecata.
      Noi ci siamo armati di santa pazienza; abbiamo deciso di fare quello che é consentito fare e di accontentarci senza tenere troppo muso.
      Fortuna che c’é sempre qualche bel libro a salvarci 😉

      Come vedi anche io ho un sacco di grane tecnologiche. Ora scrivo dal tablet ad esempio e siccome non ricordo più la password del mio blog commento da esterna…pensa te come sono messa.

      Bene, sono proprio sollevata e contenta di averti ritrovata!
      Ho tante belle fotoda mostrarti…spero di riuscire a farlo il piú presto possibile.

      Un abbraccio grande grande
      ❤️

  2. Ogni tanto passo a trovarti, sicura di trovare sempre qualcosa che merita lettura e visione. E anche stavolta non sbaglio. Impossibilitata per motivi contingenti a effettuare gite ed escursioni, mi godo queste immagini che così sapientemente inanelli sulla tua pagina e ti assicuro che per me sono una ventata di aria fresca. Eh sì, sono d’accordo sul fatto che il diradamento di presenze umane, per quanto nemico dell’economia, è un’occasione per riappropriarci di spazi e orizzonti perduti e nascosti solitamente dalla massa umana. Spero di tornare a goderne molto presto. Un abbraccio

    1. Ciao Paola, grazie che passi a trovarmi !!
      Questo per me è invece un periodo di escursioni e gitarelle che si rivelano sempre più piacevoli grazie alle nuove regole del vivere civile 😉
      Non fosse così caldo…
      Un abbraccio grande e a prestissimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.