al volo…

Non so se stiamo tornando ad un’effettiva normalità.

I posti belli sono ancora spopolati di turisti, l’odore dell’igienizzante è più forte di tutti gli altri e il desiderio di stare lontano da chiunque appartenga al genere umano è costante.

Però confesso che non mi dispiace godermi il centro cittadino mezzo vuoto e se non fosse che mi han tolto tutte le cose che mi piaceva fare ( ovvero il cinema, le sagre, le letture, eccetera)  questa nuova dimensione mi calzerebbe a pennello.

Di sicuro a casa nostra siamo tornati in clima di ordinaria follia, con un Capo che lavorando nel settore biciclette in tempo di sconti si ritrova a fare straordinari su straordinari perdendo abbondantemente il senso della realtà e una figlia, schiacciata dal peso dell’imminente maturità, che ad ogni parola captata  nell’aria associa un possibile argomento d’esame.

Fortuna che io e il secondogenito non ci lasciamo impressionare e continuiamo dritti per la nostra strada, fatta di calma e pace interiore.

Ho forzatamente accantonato i pensieri di morte e ho deliberatamente deciso di spostare la mia attenzione sulle mille cose che ogni giorno mi rallegrano.

La mia è un’indole di cuor contento e difficilmente riesco a deviare da questa naturale inclinazione per troppo tempo.

Vi lascio nuovamente un po’ troppo in fretta.

Il tempo per le parole e i pensieri è decisamente risicato in questi giorni ma sto scattando un sacco di foto per non dimenticarmi niente di quello che mi passa per la testa e per le mani.

Le vere vacanze sono vicine !
A prestissimo

4 thoughts on “al volo…

  1. Queste foto mi hanno ricordato le estati in cui andavo con gli amici a Urbino, poi a mangiare e suonare alla Baita alle Cesane, o la bar della Stazione (ora mi hanno detto che c’è un ristorantino niente male al suo posto, ma anche quello di allora era uno spettacolo…). Spero di tornarci presto, magari a fare un giro all’orto botanico e a mangiarmi una pizzetta al “buco”. Grazie per i tuoi pensieri e a presto con altri pensieri felici.

    1. Ciao Dani !
      Urbino è uno di quei posti che mi rimette in pace col mondo, soprattutto quando non è affollata di persone e di studenti.

      Essendo vicino ci capitiamo spesso e pur non avendo particolari ricordi che mi legano ai suoi luoghi e alle sue strade camminarci mi rende serena. A tratti addirittura euforica.

      Spero stiate tutti bene e vi stiate godendo i primi passi liberi !
      Un abbraccio

  2. Sempre bello venire qui e trovare un tuo nuovo post da leggere :-).

    Maiorca senza turisti è fantastica, poche macchine e posso fare giri piacevoli in bicicletta :-). Se non fosse che questo coronavirus sia una vera disgrazia direi che la vita di questi ultimi mesi mi si addice molto. Mi piace stare da sola e il fatto di non poter/dover frequentare gente mi mette di buonumore…come detto, peccato che questa situazione sia dovuta al coronavirus.

    Come sempre le tue foto sono bellissime. Spero di rileggerti presto.
    Un saluto.

    1. Guarda Oriana, mi trovi completamente d’accordo.
      Non ci fosse stato tutto il dolore per le persone scomparse, per una come me, questa sarebbe stata la situazione ideale.
      Poca gente, poco traffico, pochi obblighi sociali.

      Leggevo i giorni scorsi delle tue disavventure medico/sanitarie…spero che tutto si sistemi nel modo giusto perchè farsi “tagliuzzare” non è mai una cosa piacevole.

      Un abbraccio grande

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.