Fuori forma

Rieccomi!
E’ passato un altro mese nonostante per l’ennesima volta mi fossi ripromessa di postare più spesso 🙁
Niente, suppongo sia collegato al poltrire della mia macchina fotografica, che se ne sta nella sua vetrinetta in attesa di partire per qualche viaggetto.

Non dovrebbe mancare molto.
Metà famiglia è semivaccinata.
Il clima è favorevole.
Vediamo se il mondo è pronto a riaccoglierci.

Il virus si sta allontanando rapidamente dal nostro quotidiano e ormai siamo così abituati a rispettare le norme che ne abbiamo fatto uno stile di vita.

Vita che svicola veloce tra i ritmi della famiglia.

La scuola sta per finire… il nostro architetto è isterico per via delle ultime consegne e a qualsiasi ora del giorno lo si può trovare al tavolo da disegno dentro una grigia nube di imprecazioni.
La fanciulla invece ha iniziato il servizio civile in Croce Rossa e ha delle giornate parecchio impegnative che comprendono una cosa incredibile come le guide per condurre l’ambulanza.
E lo so che suona banale e scontato ma io proprio non posso fare a meno di chiedermi dove diavolo sono finiti i miei bambini, coi loro libri da leggere e le mani appiccicose.
(E soprattutto dove sono finita io? O perlomeno l’io slanciato, giovane e radioso che senza sforzo quei bambini se li portava al collo.)

Non si vedono vacanze all’orizzonte e io e il Capo perseguiamo fintamente l’utopia del mantenerci in forma con le nostre camminate mattutine in zona porto che partono bene ma poi finiscono in vacca davanti alla tentazione di una colazione abbondante.

La scorsa settimana siamo incappati in questa mega manifestazione di Triathlon dove una sorta di razza sovrumana, vicinissima allo stato di semidio, ci ha incantato con le proprie incredibili prodezze.

Non capisco come questi esseri in tutina possano sopravvivere a un tale sforzo fisico a alla madornale produzione di sudore che ne consegue ma posso assicurarvi che ce l’hanno fatta tutti e sembravano persino contenti.

Sono ben rassegnata all’idea di non potercela fare.
Lo sport non fa per me e pace.

Preferisco il tributo di sangue che ogni santo giorno pago alle zanzare mentre adempio con gioia ai mei doveri di contadina e giardiniera.

Che soddisfazione i miei vasetti dove (talvolta persino con successo) tento le moltiplicazioni delle mie piante preferite!
E tutti quei germogli e quei minuscoli fiorellini che spuntano sulle mammillarie…il paradiso terrestre!

Persino la mia orchidea mostro quest’anno ha voluto strafare con una serie di fioriture continue e copiose.

Per non dire delle mie fragole, buone, dolci e grassoccie che però sembrano attirare anche le bocche affamate delle lucertole, a cui ho preso l’abitudine di lasciarne un paio da divorare così che non me le smordicchino tutte senza riguardo.

Insomma, la vita prosegue e sembra ancora una volta sorridermi.

La primavera è la stagione più bella che estiste (a parte i maledetti pollini!).

Godiamocela!
♥

beloved

Da piccola sono stata una bambina fortemente inappetente.

Ero letteralmente pelle e ossa e questo gettava mia madre nella più nera disperazione.

I figli  dall’aspetto malaticcio mettono in cattiva luce il genitore, quindi mettermi all’ingrasso è stata la sua ossessione per tutta la vita.

Per un lunghissimo periodo mi ha chiamata Biafra.

Biafra proprio come se fosse il mio nome.

Sentirmi chiamare così mi faceva profondamente vergognare di quello che ero e ricordo perfettamente quando, esasperata, presi la storica decisione di cambiare e  ingrassare.

L’avrei fatto per i bambini del Biafra !

Era a loro che pensavo fortissimamente mentre con sforzo sovrumano ingollavo il famoso petto di pollo di mia madre…tre etti e mezzo di gommapiuma da cacciar giù solo con l’acqua.

Ad ogni pasto sentivo distintamente le parole di mio padre: “ce l’avessero quei bambini una roba così buona…!”  e a testa bassa mi sforzavo di mangiare i maccheroni coi piselli spappolosi che si nascondevano infimi dentro la pasta, mentre il telegiornale mostrava le immagini di questi bambini scheletrici ricoperti di mosche.

I bambini del Biafra sono morti, la loro Repubblica è stata cancellata e io non sono mai riuscita ad ingrassare …in compenso temo di aver sviluppato una discreta serie di complessi e disturbi.

Ciò che più ha segnato la mia crescita è uno smisurato senso di empatia.

Se mi lascio andare posso sentire vive su di me le sofferenze di intere categorie di persone.

Da un lato è sicuramente una cosa positiva, dall’altro posso dire che i miei studi di storia mi han ridotta a brandelli.

L’umanità è stata capace di cose orribili e c’è così tanto dolore appena dietro le nostre spalle da sentirne quasi il rumore.

Mi son sempre fatta coraggio pensando ai soldati italiani in Russia, alle donne cinesi, agli ebrei,  a Simone Weil e ad altre decine di personaggi che affollano la mia personale mitologia.

Suppongo sia una cosa piuttosto infantile e forse anche controproducente ma per quanto mi sforzi non riesco a liberarmi da questo vincolo.

Ovviamente per proteggermi da tutta la sofferenza del mondo ho dovuto elaborare alcune strategie.

Tipo evitare certi film, certi documentari, certi approfondimenti storici.

Per lungo tempo ho avuto dei veri e propri argomenti tabù e questo ha determinato grandi lacune nelle mie conoscenze ma di sicuro mi ha aiutata a preservare un barlume di sanità mentale.

Ora però sono più adulta, più equilibrata…ancora non posso guardare certi film ma mi sono azzardata a leggere due libri che han fatto la storia della letteratura americana e che, con colpevole ritardo, sono finalmente arrivati anche a me.

Amatissima  di Toni Morrison è un libro durissimo, pieno di cose terribili ma che allo stesso tempo trasuda dignità e orgoglio pagina dopo pagina.

Ha uno stile narrativo molto particolare, a tratti difficile da seguire, soprattutto quando si fa onirico e delirante, ma c’è qualcosa di speciale che tiene comunque incollato il lettore e lo costringe a dipanare la storia fino alla fine.

Per me è stata una lettura dolorosa ma ne sono rimasta entusiasta, tanto che ho costretto il Capo a seguire le mie orme anche se  evidentemente  non sono riuscita a contagiarlo visto che è bloccato a pagina ventitré da giorni e giorni!

Sul “Buio oltre la siepe” di Harper Lee invece avevo come al solito un sacco di stupidi pregiudizi.

Pensavo si trattasse di una storia melensa e strappalacrime di cui poter assolutamente fare a meno, ma mi sono dovuta ricredere.

Quello di Harper Lee è un libro bellissimo e geniale.

La struttura è perfetta, il linguaggio semplice e l’occhio attento ai particolari più insoliti.

Aver scelto come narratore una bambina irrequieta ha dato alla storia una prospettiva ideale.

Mentre “Amatissima” è complesso e diretto e talvolta lascia sconcertati per la crudeltà di certe immagini, “Il buio oltre la siepe” ci porta dove vuole attraverso l’azione e la suspence che lo caratterizzano.

Forse lo avete già letto ma se ancora non lo avete fatto ve lo consiglio spassionatamente !

La schiavitù con i suoi orrori e le conseguenze che ancora si porta dietro è uno dei buchi neri della nostra storia ed è la metafora di tante altre schiavitù che condizionano il nostro stare al mondo da sempre.

A me sembra pazzesco che il nostro sistema sociale non riesca a liberarsene una volta per tutte ma evidentemente è così radicata da esserene un costituente.

Ora per me l’argomento è sdoganato e pronto per diventare un’ossessione, tanto che ho già impilato una serie di libri che per anni avevo evitato accuratamente.

Sarà un mese pesante !

***

Nelle foto Pesaro festeggia il 150° dalla morte di Rossini portando nelle strade le scenografie utilizzate nel corso degli anni per le rappresentazioni delle sue opere.
E conclude la settimana Rossiniana con la sfilata del carro del carnevale di Fano a lui dedicato.

Il tempo è stato sempre inclemente ma ci ha regalato delle luci insolite.

A presto