cuor contento il ciel l’aiuta

Le vacanze natalizie sono lontane anni luce ormai.

La sveglia maledetta ha ripreso a suonare puntuale alle seiequaranta e ogni mattina il mondo mi accoglie con uno strato di ghiaccio ostinato mentre i miei figli, cisposi e ammutoliti, affrontano la loro giornata con l’entusiasmo di due condannati a morte.

Fortuna il Capo che ancora mi dice buongiorno e mi stampa un bacio destinato ad accompagnarmi ovunque, come un amuleto.

E’ tempo di patenti da prendere, maturità da preparare, indirizzi da scegliere.

E’ tempo di rendersi conto che molte delle cose che dovrei ricordare evaporano misteriosamente e dunque sarebbe bene prendere l’abitudine di segnarmele su un quadernino da tenere a portata di mano (uno dei miei tanti propositi duemilaeventi che finirà disatteso).

E’ buffo (e allo stesso tempo drammatico) come il mio cervello abbia deciso di trattenere centinaia di strofe di canzoni e dialoghi di film e interi passaggi di romanzi mentre si lascia sfuggire importantissime informazioni del quotidiano, come ad esempio i nomi e le caratteristiche dei molti sconosciuti amici di mia figlia  (cosa che la fa letteralmente infuriare) oppure ciò che mi era stato chiesto di inserire nella lista della spesa o ancora orari ed appuntamenti che mi vedono protagonista in qualità di tassista proletaria.

Mi sono accorta che passo un sacco di tempo a cercare le motivazioni (e le scuse) di queste mie mancanze e rimestando nella testa ho ritrovato il ricordo di una me stessa che rinfacciava le identiche cose a sua madre.

Inutile dire che questo ha immediatamente chiuso le porte del mio futuro al centro diurno per l’Alzheimer e ha invece aperto le pagine di tutta una serie di trattati sull’adolescenza che mi rassicurano riguardo la normalità della situazione e mi incoraggiano a tenere duro perchè non sono messa male come sembra.

E questo è lo spirito (e il motto) con cui affronto il nuovo anno: “non sono messa male come sembra” 🙂 ma ho anche un bel bagaglio di buoni propositi tipo “essere meno superficiale nelle mie analisi”, “non mettermi sempre e subito dalla parte del torto”, “dare a me e alle persone in generale almeno una possibilità di riscatto”.

Certo, il clima non mi aiuta 🙁

E nemmeno le verdure di stagione

Per non parlar del mio infido pane.

Per mia fortuna ho l’indole del cuorcontento e niente può togliermi il buonumore.

Cuor contento il ciel l’aiuta mi ripeteva sempre mia madre e anche se nel dirlo metteva un filo di disprezzo  (perchè per lei l’essere contenti era una sorta di peccato mortale) è una delle frasi che il mio cervello ha deciso di conservare e ripropormi con un’accezione più positiva proprio per sollevarmi da quella colpa che in fondo non ho mai avuto.

***

Bene, vi lascio con queste foto che non c’entrano niente ma giacevano nella mia macchina e meritavano un po’ di attenzione.
E’ il Natale di Rimini che per tutto il duemilaventi celebra il centenario della nascita di Fellini e ha dato vita a una delle più belle scenografie natalizie viste quest’anno.
Rimini è una cittadina meravigliosa che da ragazza ho sempre snobbato perchè la ricollegavo al divertimento sfrenato e alle orde di ragazzini che vi si recavano in vacanza.
Ora che son vecchia ci vado spesso e volentieri e ogni volta la trovo splendida e viva, soprattutto per quel che riguarda le iniziative culturali.
Se non ci siete mai stati questo è l’anno giusto per farci una capatina.

4 thoughts on “cuor contento il ciel l’aiuta

  1. Non so quanto possa rincuorarti, ma a memoria sto messa maluccio pure io: sento molti coetanei lamentarsi di problemi simili quindi ci ho fatto pace, più o meno.
    “Cuor contento il ciel l’aiuta” mi sembra una valida filosofia di vita, la preferisco di gran lunga a “aiutati che il ciel t’aiuta”.
    Non so che gusto abbia quel pane, ma a vederlo sembra piuttosto appetitoso… almeno è fotogenico! 😉

    1. Grazie Ally !
      In effetti è proprio la consolazione che cerco in questo periodo 😉
      Purtroppo con la fotogenia non si riempie la pancia !
      Un abbraccio grande

  2. (cosa che la fa letteralmente infuriare)…quanto mi piace tutto questo “movimento ” in questa famiglia con adolescenti…ma dai su …non sei proprio messa male come sembra….(mi piace e sarà anche il mio motto…anche se ogni tanto con parole diverse già qualcosa me lo ripetevo…le mamme sono le valvole di scarico dei figli…anche i papà ogni tanto si prendono qualche”cazziatone” e quando succede io ,anche se sotto sotto sono contenta,prendo sempre le sue difese…mentre lui a me “hai visto neanche ifigli ti sopportano ” e assume una faccia da soddisfatto…e vabbè …Noi qui al centro sud siamo più diretti e diciamo “gente allegra Dio l’aiuta” la gioia l’allegria è gradita niente musoni.
    ” il ricordo di me stessa che rinfacciava le stesse cose..” Quante volte a mia figlia rispondevo “quando sarai mamma pure tu capirai”…con lo svolgersi degli eventi neanche lo posso dire più….I bambini (la gioia)sono ripartiti sabato scorso…tanti lacrimoni di dolore da parte nostra sopratutto…a me sembra pure inutile che le galline facciano le uova…vabbè passerà…. oggi mia figlia fa la prima tappa per la pre ospedalizzazione non dico niente la vedo determinata ma chissà quanti pianti si farà che neanche si fa vedere…e vabbè
    Belle le luminarie di Rimini…anche io associo questa città alla città della perdizione…grandi discoteche dove succede di tutto…ma come si dice … i buoni e i cattivi stanno dappertutto…una volta andando a Venezia neanche ci siamo fermati…vabbè…
    Ecco il pane …questo devo proprio iniziare a fare…tra l’altro quello che trovo nei dintorni neanche mi piace…vabbè
    …dovrei dire buonanotte data l’ora …ma Buona Vita..

    1. Ciao FrancaRita !

      Le galline sono creature meravigliose che fanno una cosa altrettanto meravigliosa che ci permette di cucinare le torte, i biscotti, la pasta e mille altre bontà.

      Cerca stare serena perchè credo che sia quello di cui ha bisogno tua figlia in questo momento così delicato.
      Credo che tu debba proprio importelo e trovare il modo di esserlo.
      La serenità è contagiosa e al giorno d’oggi dovremmo tutti sforzarci di esserlo un po’ di più.

      Ti abbraccio fortissimo e spero che tu mi tenga informata perchè ci tengo a sapere come state.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.